Sosteniamo Arquata | Perchè
15802
page,page-id-15802,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-3,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
schermata-2016-09-16-alle-22-18-24

PERCHE’ QUESTO E-COMMERCE

Aderire alla nostra campagna è un gesto importante. Quella del Comune di Arquata, infatti, è una piccola comunità duramente segnata dal terremoto, per cui anche un minimo contributo può fare molto. Qui il  rischio più grande ora è che mentre si aspetta la ricostruzione il territorio perda la sua comunità, già notevolmente diminuita negli ultimi decenni, visto il generale spopolamento delle zone montane italiane. Una comunità che però, nonostante i suoi numeri ridotti, ha una sua forte identità, fatta di tradizioni e di un grande attaccamento al territorio e alle sue montagne.

È per questo che ora è importante sostenere le iniziative della Proloco, che ci tiene a rendere pubblici e assolutamente trasparenti gli incassi della campagna, ma anche le voci di spesa a cui questi incassi saranno devoluti. Per questo è stato appositamente creato lo spazio “trasparenza”, visibile sulla Home Page. 

L’altra sezione del sito dà la possibilità di acquistare i prodotti del territorio. Tante sono infatti le attività produttive e commerciali che hanno già chiuso, mentre altre sono purtroppo costrette a chiudere. In alcuni casi perché hanno perso l’immobile, crollato o inagibile, altrimenti perché hanno perso la clientela, visto l’esodo importante che ha seguito il sisma. Sostenere la piccola economia del posto vuol dire dare a questa realtà la speranza di una rinascita, perché senza attività economiche non può sopravvivere una comunità. Oltre ai prodotti agricoli e alimentari di qualitàche portano con sé tutto il grande valore della biodiversità di un territorio montano che si estende su due parchi nazionali (Parco dei Sibillini e Parco del Gran Sasso e della Laga), su questo sito c’è spazio anche per le attività artigianali o per prodotti di uso comune, come i prodotti per la casa, che in questo momento più che mai sono privi di mercato.